Archivi tag: coeliac disease

Green’s: nuovo look

La birra è sempre lei, quella che piace, quella che puoi scegliere la tipologia, quella che s’abbina un po’ a tutto.
Le etichette cambiano, salutiamo le vecchie con un po’ di rammarico, ma abbracciamo le nuove che accompagneranno le future serate beverecce!

Vediamole!
Pilsener (ex Premium Pils)

green's pilsener premium pils

Golden Ale (ex Premium Golden Ale)

green's beer golden ale golden ale

Blond (ex Blonde Ale)

green's beer blond blonde ale

Amber (ex Brown Ale)

green's beer amber brown ale

Dark (ex Dark Ale)

green's beer dark dark ale

 

 

Attendiamo, alla salute!

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Gluten Free Fest, il futuro del senza glutine

Scrivo la prefazione a posteriori, perché è giusto cosi’. Ho aspettato un paio di giorni prima di iniziare a stendere le emozioni su queste pagine, la paura più grande era quella di vederle perdere di carica positiva e sentirle svanire, vedendole scritte nero su bianco. Ora è fatta, sono scritte, e quel che ho dentro è comunque immenso e vivo.

 

Sono state giornate stupende (photos), i ringraziamenti li ho già fatti su facebook e personalmente a chi per un motivo o per un altro se ne meritava di speciali, ma ci tengo a sottolinearli perché, davvero, aldilà dell’euforia iniziale ho conosciuto persone che spero di portarmi dietro per un sacco di tempo e che di sicuro portero’ sempre nel cuore.

Sono state giornate di libertà, pace, tranquillità, condivisione, emozioni e sensazioni fortissime, incredibile come il ‘cibo’ -volendo un attimo sminuire la questione sotto altri importantissimi punti di vista- sia cosi’ condizionante nei confronti della condizione umana, chiaramente per noi celiaci -e chiunque abbia problematiche alimentari- è ancora più forte. No dimenticherò facilmente le crepes, i panini enormemente soffici e assurdamente buoni, il tris di pasta un po’ collosa, i fiumi di birra che la mia gola ha visto scorrere -ma non solo la mia-, l’aperitivo alla terrazza con il suo panorama caratteristi e d’incanto, le chiacchiere annesse, le strette di mano forti e piene di significato, gl’abbracci sinceri. Non dimenticherò facilmente neppure tutto ciò che ho appena dimenticato, quando cerco di mettere su ‘carta’ le sensazioni la mente si svuota, ma so che è tutto fortemente legato.

gluten free fest

In questa foto è racchiusa l’essenza del Gluten Free Fest e di molto, molto altro, che non ho voglia di spiegare. Chi deve sapere sa, ed è più che sufficiente.

Per quanto mi riguarda questo Gluten Free Fest è capitato a fagiolo in un momento della mia vita molto particolare e notevolmente adeguato, sia sotto il punto di vista degl’obiettivi che per quanto riguarda l’apertura mentale nei confronti di determinate cose. Dovrei ringraziare la vita stessa, forse, ma in ogni caso il ringraziamento più grande va a me stesso e alle scelte che sto compiendo in qualsiasi ambito, mi stanno rafforzando, cambiando, facendo crescere e, obiettivamente, è il momento di premiarsi, ma premiarsi tanto.

Grazie a tutti e di tutto,
M.


Follow YC!

Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.


Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Sondaggio celiachia in 60 secondi: aiuta la ricerca, aiuta te stesso


Le cose belle non saltano fuori dal nulla ma dalla ricerca costante di volontari, e io sono uno di quelli che si smazza l’anima per far si che le cose belle siano all’ordine del giorno. Pero’, mi serve il vostro aiuto.

Prendetela come fosse una canna e state alla legge del mercato universale: fatela girare 🙂



Le cose belle non saltano fuori dal nulla ma dalla ricerca costante di volontari, e io sono uno di quelli che si smazza l’anima per far si che le cose belle siano all’ordine del giorno. Pero’, mi serve il vostro aiuto.

Prendetela come fosse una canna e state alla legge del mercato universale: fatela girare 🙂

Grazie,
M.


Follow YC!

Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.


Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Celiachia a 360°: impressioni

Ho seguito in streaming la diretta di ieri, 31 Marzo, tenutasi dalle 14:00 per quasi 4 ore.

Direi che “molto interessante” è la mia definizione del tutto, anche se mi sarebbe piaciuto partecipare a tutte tre le giornate indistintamente, pur essendo io notevolmente fuori dal settore e probabilmente non in grado di carpire la maggior parte dei discorsi che si sono tenuti.

E’ per questo che ho chiesto ad alcune persone che vi hanno preso parte di scrivere per noi qualcosa, un pensiero, un’impressione, qualche considerazione, magari un breve e semplice resoconto al riguardo. Staremo a vedere nei giorni a venire che cosa riusciremo a tirar fuori.

Per ora, se qualcuno fosse interessato, è possibile rivedere il video della diretta di ieri pomeriggio su questa pagina.

E voi? qualcuno è andato e ha considerazioni interessanti?
Che ci raccontate?

A presto,
M.


Follow YC!
Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

birra, pensieri e forza quattro

E’ vero, si parla di birra praticamente in ogni post.

Chissenefrega, questa serata è stata fatta di birra al pub con un amico, discorsi più o meno frivoli, forza quattro e giochi di carte. Quanti celiaci possono dire d’essersi goduti una buona birra al pub? Spero tanti, anche se non credo. E’ per questo che faccio il volontario e cerco di far qualcosa di buono ogni giorno, ed è quando vedo un sorriso per essersi potuti godere una serata del genere che mi sento veramente completo e soddisfatto.

A parte questo, ho stravinto sia a forza quattro che a briscola. Non è andata bene a pelagaletto.

Una news una news una news c’è una news!
Tempo fa ho parlato del Mastering sulla Celiachia dal 29 al 31 di Marzo 2012 a Firenze; mi sarebbe piaciuto un sacco poter avere lo stream di tutto quel che accade in realtime su twitter, anche a costo -non che mi dispiacerebbe sia chiaro- di parteciparvi come blogger, ma non sembra sarà fattibile. Quel che è fattibile però, è avere qualcuno all’interno che stilerà un rapporto su quanto verrà raccontato/discusso e lo proporrà a tutti a posteriori, sfruttando proprio questo blog come canale di comunicazione.. e sono super onoratissimissimo, ecco.

Non vedo l’ora, davvero.
That’s all, buonanotte a tutti.

M.


Follow YC!
Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Degustazione Green’s al ‘Naturalmente Senza’, RN

Nonostante non abbia ancora trovato il tempo di raccontarvelo, resta il fatto che sabato scorso siamo stati al Naturalmente Senza, un piccolo negozietto di prodotti solo ed esclusivamente senza glutine nel cuore del centro commerciale “I Malatesta“, a Rimini.
Era in programma una degustazione dell cinque birre Green’s, di cui ancora non vi ho parlato, ma sicuramente qualcuno conoscerà già.

Come potete vedere navigando la pagina Shop, le caratteristiche delle magiche cinque sono accattivanti. L’ordine di degustazione è stato esattamente quello in cui vengono proposte in suddetta pagina, la Premium Pils, la Premium Golden Ale, la Bottle Refermented Blonde Ale, a seguire la Bottle Refermented Brown Ale e infine la Bottle Refermented Dark Ale. Esattamente tre bionde e due scure, tutte birre di vero malto deglutinato (non ci credete? Ingredienti: Acqua, Luppolo, Lievito selezionato, Malto d’Orzo deglutinato, verifica tu stesso!).

La Premium Pils è delicata, limpida, da pasto, con i suoi 4,8% vol non ha nulla da invidiare ad una più comune Estrella Daura, che è il mio riferimento principale, anche se ho avuto la mia bella (un tempo) esperienza anche con la Riedemburger. Guadagna molto al retrogusto, più delicato e gradevole. Servire ghiacciata assieme ad una buona pizza, oppure con portate di pesce o carne.

La Golden Ale è più robusta, adatta ad una degustazione più ponderata, quindi adatta per l’accostamento con aperitivi, tapas e sushi.
Stessa gradazione alcolica, unica nel suo genere. Senz’ombra di dubbio la mia preferita.

La Blonde Ale, nonché la bionda doppio malto rifermentata in bottiglia, dal gusto fruttato e avvolgente. 5,8% vol, maneggiare con cura (:P). Adatta ad essere servita con portate di carne o formaggi freschi o semi-stagionati.

La Brown Ale, prima scusa che analizziamo. Magnifico color ambrato, 5,0% vol, al gusto non mi fa impazzire, ma non sono un amante delle scure, non al momento almeno. Adatta con carni rosse, studati, spezzatini e brasati, oppure formaggi stagionati o dessert al cioccolato.

La Dark Ale, l’ultima della serie, la scura doppio malto, ancora una volta 5,8% vol, per questa non ho avuto pietà e ne ho arraffate una cinquina, come ho fatto per la Golden Ale e per la Blonde Ale. Al momento della degustazione ero leggermente alticcio, ma se avessi avuto sotto mano lenticchie e fagioli o una buona torta al cioccolato, crème caramel e/o panna cotta avrei sicuramente fatto man bassa di tutte le bottiglie nel locale.

 

Questa è la scelta, e che scelta.. per delizia belga bisogna ringraziare la carissima Elvira, unico importatore in Italia della Green’s. Io ringrazio dio d’avermele fatte conoscere e se non fossero solo le 7:30 starei sicuramente stappando una Golden Ale, ma aspetterò qualche ora giusto per non fare la figura dell’ubriacone!
Speriamo intanto che possa diffondersi in tutte le sue forme, in modo da porterla gustare al pub sotto casa, in compagnia di qualche buon amico. Ecco la risposta alla domanda “dove posso trovarla?” 🙂

 
Alla salute,
M.


Follow YC!
Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Rai3: Fuori TG a tema celiachia

E’ facile essere fraintesi, soprattutto quando si parla di argomenti quanto mai complessi e articolati quali intolleranze, malattie e altri a carattere puramente tecnico-specifico, come per esempio la celiachia. Lo è anche per chi è medico, soprattutto se pieno di se è -seppur involontariamente- abusante della propria posizione.

Non conosco il professor Italo de Vitis, ma parteciperà al Fuori TG a tema celiachia su Rai3 nazionale, che vedrà anche in collegamento da genova la nostra dir. gen. Caterina Pilo, dalle 12.25 alle 12.50 mercoledi’ 7 dicembre (DOMANI!).

Le questioni affrontate saranno a carattere sociale e medico, focalizzando sulla portata del fenomeno e sui problemi incontrati da persone che soffrono di celiachia e dai loro famigliari.

Io ne consiglio la visione, a presto.


Follow YC!
Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

la dura legge del blog

Parafrasando: come collezionare ZERO views giornaliere nonostante il bacino d’utenza a cui ci si rivolge sia fin troppo ampio e popolato.

Purtroppo non ho speranza, l’università e le mille cose per la testa mi stremano, mi riduco sempre ad orari pessimi con la voglia di bloggare e finisce che non scrivo nulla. Devo mettermi il cuore in pace, scrivere quando riesco e via andare. Tanto o cosi’ o cosi’, tanto vale farla sembrare una scelta, magari è più piacevole.

dunquedicosaparliamo? ce ne sarebbe un bel po!
Di sicuro, dato che è stato richiesto, è ora di parlare della sacher glutenfree che ho fatto con la dede pochi giorni fa e che chiaramente abbiamo già finito. Buonissima!

La foto per ora non la metterò, c’è in cantiere una surprise con @lecuoche!

Un paio di foto invece sono in arrivo, a sto giro la cara Giusto l’ha fatta storta. Arrivo in farmacia, muraglia di panettoni e pandori bellissimi da vedere e scelgo quello della giusto, perché sai, vedendo questa foto..

 
 
..arrivo a casa, lo apro, bustina con lo zucchero vanigliato, scrolla scrolla e infile.. taglio! E LA CIOCCOLATA DOVE SAREBBE?
 
 
 
 
 

 
 
eddai, bella Giusto, mavaffan.. cos’è quella macchietta? sembra più muffa, schifo, informe squizzettata cioccolatosa insapore e.. ridicoli. Pero’ bono eh, tutto sommato è buono. Ho provato anche a scaldarlo, never do it, però buono!


Follow YC!
Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

linea verde e paperissima

Cosa hanno a che fare l’uno con l’altro? Niente, semplicemente non avevo voglia di stare a pensare ad un titolo serio. Sono successe un miliardino di cose in questo wend. Anzitutto è arrivato CN (Celiachia Notizie) e ha portato con se non poche ventate d’aria buona!

Nella sezione Emilia-Romagna (di CN regioni), per Ravenna, spicca l’articolo “Anche noi alla Festa della birra” che ho provveduto a scrivere qualche tempo fa, e la foto (allegriaaa) di noi volontari allo stand di Granarolo Faentino. Trovare il tutto a p26 e rilancio il grido per il prossimo anno: questa cosa deve spargersi a macchia d’olio!

Su CN nazionale si puo’ trovare l’articolo -molto bello- sul progetto Empowerment tenutosi a Bologna attorno al 15 settembre scorso. La foto con tutti i presenti, con la maglietta ‘omologazione’ mi fa sorridere non poco. E’ davvero forte, anche se questa -con noi giovincelli- vince su tutte:

L’altra cosa che mi carica moltissimo è il carnevale di Viareggio, spero proprio di riuscire ad andare. Sarà una stupenda occasione per legare, confrontarsi e divertirsi! Lo trovate a p40 di CN, con la proposta Toscana per l’evento. Posti limitatissimi e termini dell’offerta purtroppo non del tutto chiari.

Avrei un sacco di newz culinarie, tra cui la ricetta della sacher che abbiamo fatto ieri e quant’altro, ma zero voglia. C’è paperissima ora! Vi lascio con questo video di linea verde, su cui qualcuno sta discutendo al momento per via di quel che accade a minuto 41:40, buona visione.


Follow YC!
Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

natale e considerazioni non-allegre

Io non ho paura. Sono solo insofferente nei confronti del natale. Soldi sprecati per regali che non piacciono, sorrisi sprecati per persone che non apprezzano e altri per persone che fingi d’apprezzare, gioia e armonia da vendere che svanisce inevitabilmente appena pochi giorni dopo i megapranzi/cene. Sarò materialista, forse anche venale, ma a me il natale da discreta noia.

Quest’anno mi allieta pero’ vedere alcune pagine sul mio pc riempite di panettoni (Claudia) e pandori (Valeria) artigianali, di cui vi riporto qualche scatto.

panettone claudia
Questo è il panettone di Claudia, mi fa una voglia assurda. (ricetta da uncuoredifarinasenzaglutine.blogspot.com)

Ha innegabilmente un bell’aspetto, sembra ‘vero’! Mi sono anche state passate alcune ricette, ma questo non è un blog di cunina e non lo sarà mai -ce ne sono un miliardo e mezzo- nonostante mangiare sia effettivamente uno degli sport che più apprezzo. Dopo snerdare, cazzeggiare e leggere fumetti o guardare stupidaggini negli angoli più remoti del web.

In questi giorni non sto praticamente scrivendo nulla di interessante, ma obiettivamente chiseneimporta, non sarà obbligatorio scrivere cose interessanti tutti i giorni no? Ho a mezzo un lavoretto per la mia carissima amica aldilà dell’appennino settentrionale che spero di riuscire a terminare a breve e una marea di altre cose per la testa, quindi sì, chisenefrega.

Comunque non sparirò, piuttosto scrivo cose inutili come sto facendo ora, cercando di non dilungarmi troppo con discorsi nonsense e soporiferi. Basta!
Ah, una cosa intelligente: a Forlì faranno la tombola di natale il 18/12, organizzata chiaramente dai volontari della zona. Sinceramente sinceramente: non ne capisco molto lo spirito, nel senso che non mi sarebbe mai venuto in mente d’organizzare una ‘tombolata’, non saprei in che maniera proporre la cosa e sarei forse il primo a non volere andare. Ma ho notato con che spirito invece loro la stanno organizzando, sembrano contenti, a quanto ho capito è un evento che viene riproposto più volte ed è seguito notevolmente, chissà. Per ora vado a vedere, magari si riproporrà anche qua, perché ho notato un problema notevole e costante: a Carpi una cena d’auguri, a Parma festa di natale e concorso torte, a Forlì tombolona, a Piacenza torte e aperitivo dolce e salato a ridosso di Natale e a Ravenna?

Eh, a Ravenna niente. Machevelodicoafare, il volontario sono io mica voi. Quando capirò come (e con il tempo e le mani di chi) riuscire a combinare università, lavoro, vita e mondo gluten free, forse qualcosa cambierà. O quando arriverà qualcuno a dare una mano. A proposito, il 5 dicembre sembra che ci si riesca a trovare in un bel gruppetto. E’ un inizio, si spera.

For my readers from overseas, as you can see today I talked about food (Christmas bread of Milan and Christmas cake of Verona) and about how I don’t have time to seriously follow this blog in those days, but I’m still here and I hope this can go on and on. There’s a problem here in my district: there are no volunteers for the association organizes Christmas events. Differences in the other provinces where someone organized a Christmas party, a race cake, dinners and so on. Maybe one day going to happen here too! See ya.


Follow YC!
Young Coeliac è anche su facebook e twitter. Insomma, dove sei tu, c’è lui.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,